Siete qui:

PubblicazioniEnergia e comunicazioni

GlühbirneNella presente sezione potete trovare le verifiche del CDF in materia di energia e comunicazioni.

Vigilanza sulla SRG SSR e Serafe AG - Ufficio federale delle comunicazioni

Il Controllo federale delle finanze (CDF) ha effettuato presso il Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC) una verifica concernente la vigilanza esercitata sulla Società svizzera di radiotelevisione (SSR) e su Serafe AG. Ha inoltre verificato l’attuazione di quattro raccomandazioni. La SSR è esclusa dalla vigilanza del CDF.

Verifica trasversale Vigilanza sul servizio universale - PostCom, ComCom, UFCOM

La Commissione federale delle poste (PostCom) esercita la vigilanza sul mercato dei servizi postali. Il mandato di servizio universale nell’ambito dei servizi postali (lettere, pacchetti, giornali e riviste) e del traffico dei pagamenti (apertura di un conto, versamenti, pagamenti e trasferimenti) è definito nella legge sulle poste. Il servizio universale è finanziato con i ricavi della Posta (art. 46 dell’ordinanza sulle poste). Il monopolio residuo per le lettere fino a 50 grammi costituisce un elemento supplementare per finanziare i due mandati di servizio universale. Il volume di mercato annuo ammonta a circa 3,4 miliardi di franchi.

Numero della verifica: 20448

Verifica Vigilanza sulla disattivazione delle centrali nucleari - Ispettorato federale della sicurezza nucleare, Fondo di disattivazione per impianti nucleari e Fondo di smaltimento per centrali nucleari

In Svizzera, fino al 2019 erano in esercizio cinque centrali nucleari; nello stesso anno, Mühleberg è stata la prima centrale a essere messa fuori servizio per motivi economici. L’Ispettorato federale della sicurezza nucleare (IFSN) sorveglia le centrali nucleari sotto il profilo tecnico finché non costituiscono più un pericolo radiologico. Per finanziare la disattivazione degli impianti e i costi di smaltimento delle scorie, la Confederazione ha istituito due fondi indipendenti di diritto pubblico, nel 1984 e nel 2000, rispettivamente. Questi sono gestiti dal Fondo di disattivazione per impianti nucleari e dal Fondo di smaltimento per centrali nucleari (STENFO). I Fondi sono finanziati dai contributi dei gestori delle centrali e dai ricavi a lungo termine del patrimonio dei fondi. A seguito della disattivazione di Mühleberg e dei lavori preparatori per la disattivazione di Beznau, nel 2019 STENFO ha già versato le prime prestazioni per la disattivazione ai due gestori.

Numero della verifica: 20018